Blogario

Clara Raimondi

S.L.C. Sindrome Libresco Compulsiva

30082013115653_sm_4912

Vi ho confessato di non avere più spazio e di non sapere dove stipare tutti i miei libri, ho fatto l’elenco delle cose che odio in letteratura ed ora sono qui a confessarvi di avere una sindrome, non poi così rara tra i lettori.

Si tratta della S.L.C. meglio conosciuta come Sindrome Libresco Compulsiva che, ormai, mi perseguita da anni.
Come ho fatto a capire di essere ammalata? Volete conoscere i sintomi?

Diciamo che tutto é iniziato quando ero una bambina e la malattia, con il tempo, invece di migliorare é peggiorata notevolmente. Si inizia comprando più libri di quelli che si possono leggere ed iniziando a leggere quattro/cinque libri contemporaneamente.

La malattia si aggrava quando si acquistano diversi dispositivi (smartphone, tablet) con il solo scopo di poter leggere dovunque e in qualsiasi situazione o quando ci si accorge che sui suddetti mezzi si hanno più libri da leggere di quelli che si credeva.

La malattia ha un esito imprevisto e spesso conosce delle impennate irrefrenabile soprattutto durante le fiere e i festival letterari.

Altri sintomi diffusi sono: desiderio irrefrenabile di fare un giro in libreria almeno una volta alla settimana, parlare in continuazione di libri, finire per farsi regalare i libri non letti da amici e parenti (finendo, quasi sempre, nel non restituirli) e soprattutto stati nervosi continui se non si riesce a leggere almeno un’ora al giorno.

Se anche voi vi riconoscete in almeno due di questi sintomi siete fregati. Anche voi avete la S.L.C.
Ditemi che non sono sola e sopratutto: esiste una cura?

  

Blogario #Blogario 

 

30 agosto 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online