Blogario

Clara Raimondi

Quest’anno, cascasse il mondo, mi leggo tutta la cinquina del Premio Strega…

1306201393633_sm_4313

Il mondo letterario é in fermento. Per il nuovo libro di Dan Brown? Per l’ennesimo romanzo erotico che scala le classifiche? Anche (e questo dovrebbe farci riflettere), ma soprattutto perché ieri, poco dopo le 22, é stata resa nota la cinquina finalista del Premio Strega (prima che saltasse lo streaming).

Vi dico la verità, negli anni passati ero sempre aggiornata sugli autori ed i libri in corsa per il premio letterario più importante del nostro paese.

Quest’anno, un po’ per i troppi impegni, un po’ per un mio disinteresse mi sono persa qualche battuta ma ora, cascasse il mondo, ho tutta l’aria di recuperare.

Prendo con voi il solenne impegno di leggere tutti i libri finalisti. Ce la farò entro i primi di luglio? Un attimo …. Entro l’estate? Ce la metterò tutta!

Ma poi é fondamentale conoscere questi libri? Beh sì, se non vuoi restare a bocca chiusa ad un aperitivo radical chic e se vuoi andare sul sicuro per avere lo stesso libro del tuo vicino d’ombrellone.

Per la cronaca i finalisti sono: Alessandro Perissinotto ed il suo Le colpe dei padri (Piemme), storia eterna del doppio, Walter Siti con Resistere non serve a niente (Rizzoli), metalibro/autobiografia con critica alla società, Romana Petri autrice di Figli dello stesso padre (Longanesi), una delle donne finaliste con un romanzo familiare, Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo di Paolo, una storia evocativa ambientata in un’Europa anni ’20 e Simona Sparaco, ultima donna nella cinquina, con Nessuno sa di noi (Giunti) con il tema delle scelte difficili legate alla maternità.

Devo proprio leggerli tutti? Non posso sceglierne solo un paio?
Ma poi, io sono come leggo e compro e sfoglio solo i libri che mi piacciono.
Viva la sincerità e la coerenza!

13 giugno 2013

RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online