Blogario

Clara Raimondi

Quando provi un audiolibro

12112013120808_sm_5575

Consiglio l’ascolto e la visione del video di Rewind di Vasco per avere un’idea di quello che potrebbe accadervi con un audiolibro.

Blogario è il luogo in cui confesso tutte le mie magagne e sì, lo ammetto, consideravo gli audiolibri roba per chi sta ore e ore incolonnato sul Sacro GRA.

E, come al solito, approfitto di questo spazio su Libreriamo per ammettere tutti i miei peccati libreschi ed affermare con assoluta certezza che gli audiolibri sono una gran figata!

Altro che roba per chi ha difficoltà con la lettura, gli audiolibri sono per tutti e in special modo per quelli che amano la lettura, la parole e le storie.

Rappresentano la possibilità unica di vivere, dalla voce degli attori, i libri. E le parole che prima ti limitavi a leggere prendono forma e colore, diventano materiale plasmato dalla voce che non si limita semplicemente a decantare.

E così ti trovi in metro, indossi le tue cuffiette e invece di muovere la testa o di avere lo sguardo perso nel vuoto sei lì concentratissimo su quello che stai ascoltando.

La tua faccia assume espressioni indicibili e gli altri cominciano a pensare che tu sia pazzo. Ma non importa devo capire che fine farà la storia di Emmi e Leo, protagonisti de Le ho mai raccontato del vento del Nord di Daniel Glattauer, edito da Feltrinelli, ma trasformato in audiobook da Emons Audiolibri.

E sei lì per conoscere i risvolti di questa particolarissima storia d’amore interpretata da Claudia Pandolfi e Rolando Ravello. Un romanzo epistolare 2.0 che vi trascinerà con sé fino all’ultima pagina o parola.

Non avete mai provato un audiolibro? E’ tempo di rimettersi in pari!

 

Blogario #Blogario

 

12 novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online