Blogario

Clara Raimondi

Maggembre: mali di stagione e letture sotto il piumone (ancora)

2205201393826_sm_4113

Che bello l’autunno! Quell’aria fresca che ti solletica il collo nonostante i 12 strati di indumenti che indossi. E poi la pioggia che ti accompagna tutto il giorno e dalla quale non vedi l’ora di scappare per tornare a casa e dal libro che hai lasciato la mattina, solo soletto, sul comodino.

Aspettate un attimo, ma in che stagione siamo? No perché dovrebbe essere maggio ma a ben vedere sul mio comodino non ci sono solo i libri ma una scatola di Kleenex (quasi terminata), tachipirina, termometro ma niente che mi faccia solo lontanamente pensare alla primavera.

Ho capito! Siamo a Maggembre! Il mese che vorrebbe tanto preannunciare l’inizio dell’estate ma che proprio non ce la fa.
Da quante settimane piove? Ho perso il conto, così come mi sono completamente scoraggiata all’idea di fare il cambio di stagione, praticamente impossibile anche solo da immaginare.

Le temperature calano a picco, le galosce sono sempre davanti alla porta e l’ombrello é diventato il compagno di mille avventure alla Singing in the rain.

Naturalmente non potevo non ammalarmi e, presa una piccola pausa dal lavoro, mi sono trovata ad aver del tempo per leggere, ancora, sotto il piumone.

Direi che, nonostante tutto, non mi va poi così male. La sfacchinata al Salone ha dato i suoi frutti ed ora mi sto gustando Contesa per un maialino italianissimo a San Salvario di Amara Lakhous (Edizioni E/O, 158 pagg, 16.50 euro).

Un libro davvero coinvolgente e che ben racconta l’Italia di questi tempi. Una navicella in gran tempesta (é proprio il caso di dirlo) con un tempaccio che la attraversa in lungo e in largo.

Scommetto che parecchi di voi sono a letto come me. Che cosa state leggendo? Ci scambiamo qualche dritta per sopravvivere all’influenza di maggembre?

22 maggio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online