Blogario

Clara Raimondi

Le ragazze cattive non meritano neanche uno schiaffo

25112014102433_sm_9861

Le ragazze cattive non sono mai puntuali, vanno contro le regole ed amano divertirsi. Le ragazze cattive sono ribelli e bellissime. Non hanno il potere di scatenare nessun mostro, quello infatti, è già nel cuore di chi osa alzare le mani contro di loro. L’elemento scatenante vive già nel loro animo e la scintilla aspetta solo di esplodere per umiliare e danneggiare l’anima per sempre.

Questi sono gli uomini che non meritano di avere una ragazza cattiva al loro fianco e che non capiranno mai l’importanza di avere una creatura così al loro fianco.

Riccardo, il protagonista maschile di Avventure di una ragazza cattiva di Mario Vargas Llosa, conosce la sua ragazza cattiva a Lima e per tutta la vita la rincorre cercando di conquistarla. La acciuffa e la perde a Parigi persa com’è dietro a mostri che la usano come un oggetto e non esitano a comprarla con un titolo nobiliare ed un po’ di denaro. Ma la ragazza cattiva di Vargas Llosa è prima di tutto in fuga da se stessa e dopo una serie indicibile di violenze, capisce che c’è solo un uomo in grado di comprendere la sua natura e di amarla.

Quell’uomo che non ha mai posto condizioni al loro amore è Riccardo che ogni volta è pronto a proteggerla e ad accoglierla dopo ogni sua fuga.

 

Oggi è il 25 novembre 2014 e sono qui per ricordarvi l’impegno di tutti contro la violenza sulle donne: un problema di cui si parla tanto e per cui si fa molto poco. Bisogna comprendere le reali ragioni, non giudicare ed avere il coraggio di ammettere la verità. Io l’ho fatto un anno fa e solo dopo la piena consapevolezza ho compreso l’impatto devastante che la violenza ha avuto sulla mia vita.

 

Ho detto basta e da quel giorno ho deciso di impegnarmi con diverse associazioni: Doppia Difesa e A.I.D.E.

 

E voi che cosa aspettate?

 

Blogario #Blogario

25 novembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online