Blogario

Clara Raimondi

Il libro dedicato al nemico, il tuo coinquilino

20042015092521_sm_11701

Il coinquilino è quell’essere immondo che, senza a vere un’origine geografica precisa e con un’età compresa tra i 20 e i 20 anni, divide, sfortunatamente con te, l’abitazione per un lasso di tempo non meglio definito.

 

Caratteristiche aleatorie per un soggetto che ha una connotazione ben precisa: ha deciso di rovinarti il vita e lo fa quotidianamente elaborando strategie che rendono la convivenza impossibile.

 

E così l’esistenza, che già di per sé non è che sia facile tra lavoro precario e studio, diventa un vero e proprio incubo.

Sacchi dell’immondizia che prendono vita, semafori strappati alla strada ed utilizzati per regolare i turni in bagno, pizze stantie che prendono vita grazie alla muffa e manuali utilizzati per rendere più comode le sedie sono solo alcuni dei momenti indimenticabili per chi ha un coinquilino.

 

Ma fino ad adesso mi sono limitata nel definirlo anche se sarebbe il caso di aggiungere al sostantivo una bella qualifica.

Il coinquilino di merda, ecco la giusta nomenclatura, è il soggetto in questione e non è poi così raro incontrarlo.

 

Per risollevare il morale e soprattutto dare un sostegno a tutti quelli che hanno avuto a che fare con il coinquilino di merda è online un sito e una pagina Facebook che raccoglie i casi più drammatici e da qualche mese è il libreria un manuale, edito da Mondadori.

 

Un saggio scientifico-etologico che analizza e studia comportamenti e abitudini. Un libro che vi aiuterà a riconoscerli e soprattutto vi farà sentire meno soli.

Il Coinquilino di merda è sugli scaffali da un po’ (dal 25 novembre esattamente) ma è un vero e proprio cult book che non potete non avere, anche perché:

  

1. c’è un Coinquilino di Merda in ogni casa;

2. il Coinquilino di Merda porta a fare cose da Coinquilino di Merda;

3. il Coinquilino di Merda: se non ce l’hai, sei tu”.

 

Clara Raimondi

 

20 aprile 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Clara Raimondi

Cresciuta tra le storie inventate da mamma e papà e dopo aver letto centinaia di volte Marquez e tutti gli autori sudamericani, ha fondato Reader’s Bench (www.readers-bench.com): un blog letterario ma anche un posto speciale dove parlare di libri. La famiglia poi si é allargata e sono nati Little Readers, dedicato ai piccoli lettori, e Young Writers il blog degli scrittori emergenti. Per ultimo é arrivato Reader’s Bench Magazine, un giornale letterario digitale, in free download, che ha superato le 400 000 visualizzazioni. Vorrebbe lavorare in, su, per, tra, fra i libri.

Utenti online